Il blog di Virginia Cancellieri

IL BLOG DI

VIRGINIA CANCELLIERI

19 APRILE 2021

Con l’inizio del 2021 mi sono buttata in una nuova stimolante avventura, entrando a far parte dell’Orbea Factory Team!
Più che una squadra è una famiglia di 6 riders provenienti da tutta Europa, con il quale ho scoperto di avere in comune la passione per la strada, i trail, la polvere sul percorso e il sudore.
In poche parole: la passione per il cross country.
D’altra parte, senza questi quattro punti cardinali, non potrei sopportare con il sorriso il peso di quello che faccio ogni giorno: cercare di spingermi al limite.

Quest’anno poi sono particolarmente motivata e mi sto preparando veramente tanto in vista delle future competizioni. I miei allenamenti sono equamente divisi tra potenziamento e tecnica. Per questo alterno sempre esercizi di muscolazione, principalmente per le gambe, ad esercizi mirati su tecniche specifiche, fondamentali per riuscire poi a esprimere la potenza in sella alla mountain bike.

Si cerca sempre di coltivare di pari passo entrambe le aree, perché il successo di una dipende strettamente dalla qualità dell’altra. E viceversa.

Concentrarsi solo sul fisico sarebbe come essere dotati di un grande talento artistico, di straordinaria inventiva e visione, ma non sapere poi come usare lo scalpello oppure il pennello. Una metafora, questa, non scelta a caso, visto che va a toccare l’altra mia grande passione, l’arte e la scultura: la mia materia di indirizzo all’Accademia delle Belle Arti di Genova.

Al momento ho finito di frequentare i corsi e devo quindi solamente dare gli ultimi esami prima di potermi laureare.

Il mio programma è proprio quello di cercare di superare più esami possibili in questa sessione invernale, così da potermela prendere con più calma dopo, quando dovrò dedicare tutte le mie energie alle gare di XC.

Detto questo, desidero assolutamente portare a termine i miei studi. Piano piano.

Una sessione alla volta.

È chiaro che in bici e per la bici spingerò sempre di più, ma allo stesso tempo voglio continuare a coltivare le altri parti di me, e in questo, l’Accademia è di certo l’esempio meglio riuscito. Ho appreso così tante belle cose, tra i banchi, che sarebbe un vero peccato non proseguire. Un corso che mi è piaciuto tantissimo, per esempio, è incisione calcografica, grazie alla quale ho imparato una tecnica davvero affascinante.
Consiste nell’incisione di una lastra di zinco, che viene poi trattata con degli acidi e subito dopo inchiostrata; il disegno, inciso così e inchiostrato, viene poi stampato su di un foglio.

Il risultato è sorprendente.

La particolarità e la bellezza di questa tecnica sta nel fatto che il disegno che fai a mano, viene quasi perfezionato dalla stampa finale. Tutto quanto – i segni, le imperfezioni, le sbavature – viene smussato e arrotondato, al punto da sembrare perfetto alla fine.
Sembra quasi una magia.

Non solo, la cosa più bella in assoluto è che ogni stampa è unica, perché il disegno viene inchiostrato a mano ogni volta, ed è impossibile mettere la stessa precisa quantità di inchiostro sempre.
È come una metafora del mio sport: l’impegno che ci metti è lo stesso in ogni gara, eppure alcune giornate sono più indimenticabili di altre.

L’arte per me è una necessità, è come mangiare, bere o respirare. Non ne posso fare a meno. Farla, e anche fruirne, mi trasmette come un senso di libertà e di pace.
È vita! Bastano un cavalletto, una tela, un pennello e i tre colori primari, per dare libero sfogo alla tua vena artistica, anche tra le mura di casa.

In molti, durante il lockdown, hanno iniziato o ripreso a dipingere e a sperimentare le più varie forme d’arte.
È stato un segnale di speranza e di rinascita.

Se il blog di Virginia ti è piaciuto, condividilo sui tuoi social!

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on linkedin

VIRGINIA

HA SCELTO

VIRGINIA HA SCELTO

IDEALI PER CHI PRATICA SPORT SIA A LIVELLO AMATORIALE CHE PRE AGONISTICO MA ANCHE PER I NON SPORTIVI, PER INTEGRARE IL FABBISOGNO GIORNALIERO DI PROTEINE.

Ingredienti: 

ARACHIDI tostate 40,5%, fibra vegetale, semi di girasole, prugna, uva sultanina verde, fave di cacao tostate 7%, polvere di caffè 2%, semi di chia, olio di girasole, aroma naturale

Barretta a base di arachidi, con frutta disidratata e semi, al caffè