Il blog di Michela Moioli

IL BLOG DI

MICHELA MOIOLI

28 APRILE 2021

Quest’anno è stato molto particolare, un anno che credo sarà impossibile da rimuovere dall’album dei miei ricordi. Nel bene e nel male, ho attraversato
periodi eccezionali, intesi proprio come momenti diversi dalla quotidianità ordinaria che io e la mia tavola eravamo abituate a vivere.

Dopo tanta attesa la stagione è cominciata ma posso dire che sia davvero volata via in un attimo!

Attendere senza avere la certezza di sapere la data ufficiale dell’inizio della stagione è stato a dir poco logorante.
Ancora di più, allenarsi senza conoscere il dove e il quando si sarebbe iniziato ufficialmente a gareggiare per qualcosa di importante è stato molto faticoso e dispendioso, a livello fisico e soprattutto a livello di energie mentali. È come vedere un traguardo in lontananza ma mai del tutto in maniera nitida. Sembra quasi una bandiera a scacchi che, anziché avvicinarsi, si allontana sempre più nonostante i tuoi sforzi per raggiungerla.

A livello di risultati, è stata una delle stagioni in cui ho iniziato meglio. Inaugurarla con una bella vittoria in Coppa del Mondo alla prima uscita è equivalso a partire con il piede giusto per me!
Questo successo mi ha dato tanta fiducia in vista delle gare successive e ha impreziosito tutto il duro lavoro che avevamo fatto nei mesi precedenti, che era finalizzato proprio ad ottenere una partenza lanciata nelle prime gare. Penso che il grimaldello che mi ha spalancato la porta di un sentiero ad alta
velocità sia stata la costanza abbinata alla cura di ogni singolo dettaglio.

Quest’anno sono risultata una tra le più forti atlete nelle Star Section, ossia i primi 10 secondi di pista: quelli compresi tra l’uscita dal Gate e le prime strutture.
La reputo una grande soddisfazione, perché in passato non ero mai riuscita a posizionarmi tra le più veloci in questa speciale graduatoria.

Ho dimostrato a me stessa che lavorare su questo fondamentale in maniera profonda e perseverante sia stata non solo una scelta più che giusta, ma anche
una lezione appresa nel migliore dei modi. 
Non nego che durante tutto il tragitto stagionale ci siano stati tanti alti e bassi. I primi, per fortuna, si sono sempre presentati più spesso, dato che ho centrato
l’accesso a tutte le Big Finals e sono stata l’unica atleta donna a riuscire in questa, che mi piace definire come una vera impresa.

Ora è il momento di godermi nuovamente il sapore di casa. Malgrado io sia una grande amante della freschezza della neve, del brivido gelido che accompagna ogni mia discesa in pista, il calore della mia famiglia e della mia città conta sempre tantissimo per me.

Sono molto legata al mio luogo di origine, alla mia famiglia che mi sostiene da sempre e, quando può, mi raggiunge anche nelle location di gara.
Quest’anno non sono potuti essere con me al cancelletto di partenza, ma mi è sembrato di averli accanto ogni volta che sono arrivata ad un traguardo. A loro cerco sempre di portare grandi soddisfazioni e regalare emozioni, non solo quando gareggio.

Al di là dei risultati prettamente sportivi, quello che interessa e che conta davvero secondo me sono i traguardi che una persona raggiunge dal punto di vista umano,
che nel mio caso sono intrecciati alle esperienze, alle lezioni e alle sfide che un’atleta cerca sempre di superare durante l’arco del suo percorso di crescita e
maturazione complessiva.

Mi gratificano sempre le vittorie e i trionfi, ma preferisco che tutti mi chiamino per nome piuttosto che chiamarmi “la campionessa”, nonostante riesca
a fare cose abbastanza buone sullo snowboard!

Perché dietro lo sport c’è molto altro, affetti ed emozioni che contano infinitamente di più.

Per questo mi piace quando le persone mi chiamano, semplicemente, Michela.

Se il blog di Michela ti è piaciuto, condividilo sui tuoi social!

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on telegram
Share on linkedin

MICHELA

HA SCELTO

MICHELA HA SCELTO

IDEALI PER CHI PRATICA SPORT SIA A LIVELLO AMATORIALE CHE PRE AGONISTICO MA ANCHE PER I NON SPORTIVI, PER INTEGRARE IL FABBISOGNO GIORNALIERO DI PROTEINE.

Ingredienti: 

ARACHIDI tostate 48%, fibra vegetale, pasta di uva sultanina verde, fave di cacao tostate 7,5%, semi di girasole, mirtilli essiccati 4,5%, semi di chia, olio di girasole, aroma naturale

Barretta a base di arachidi, con frutta disidratata e semi, ai mirtilli